CHIUSI PER FERIE

dal 05/08 al 30/08 | 31/08 riprendiamo le spedizioni.

Buone Vancanze

Gli articoli più letti — rivestimenti

RSS
Light: Riveste senza demolire

Light: Riveste senza demolire

Vi presentiamo la piastrella smaltata più sottile al mondo.

"Light è una linea con uno spessore di soli 4 millimetri adatta all' applicazione su qualsiasi superficie grazie al suo spessore può essere posata sopra alle piastrelle senza doverle rimuovere.

La particolarità tecnica di produzione è la monopressocottura è in grado di dare al prodotto un'elevata durabilità nel tempo, estetica e resistenza."

Una tecnologia esclusiva


Appiani Light è un prodotto in monopressocottura, Smalti e argille, precedentemente atomizzati, vengono pressati a secco ottenendo una perfetta compenetrazione delle masse
Il ciclo di cottura a temperature elevate (1200°C) pone in risalto le eccezionali qualità estetiche, di durata e di resistenza dei prodotti

I vantaggi


- Riveste l’esistente senza necessità di demolire
- Riduce tempi e disagi della ristrutturazione
- Abbatte i costi dell’intervento
- Consente una posa sicura e veloce
- Evita i costi dello smaltimento dei detriti
- Si posa senza rimuovere i serramenti esistenti
- La superficie smaltata facilita la manutenzione e la pulizia
- Risponde alle normative internazionali

Posa piastrelle sottili

 

La posa


Preparazione del supporto prima di procedere con la posa su rivestimenti e pavimentazioni esistenti.
Prima di procedere alla posa è necessario verificare che il rivestimento esistente sia ben ancorato; eventuali piastrelle distaccate e/o fessurate dovranno essere rimosse.
I vuoti creatisi in seguito alla rimozione delle piastrelle andranno colmati con NIVORAPID Mapei.

Il supporto dovrà essere pulito con lavaggi di acqua e soda ed eventualmente carteggiato nel caso di piastrelle che presentino una superficie molto lucida. Nel caso in cui ci sia la necessità di effettuare una rasatura o di correggere a regola d’arte eventuali fuori piombo direttamente sulle vecchie piastrelle, si potrà utilizzare NIVORAPID miscelato con LATEX PLUS Mapei, per rasature da 3 a 20 mm, e PLANIPATCH Mapei miscelato con LATEX PLUS per rasature da 0 a 10 mm.


Adesivi


Per la posa di Appiani Light direttamente su vecchie piastrelle si potrà utilizzare, a seconda delle esigenze di posa, uno dei seguenti adesivi:
ELASTORAPID Mapei, adesivo cementizio bicomponente altamente deformabile ad alte prestazioni, contempo aperto allungato, a presa ed idratazione rapida e a scivolamento verticale nullo, di classe C2FTEsecondo la norma EN 12004 e S2 secondo la norma EN 12002. KERALASTIC Mapei, adesivo poliuretanico bicomponente ad alte prestazioni di classe R2 secondo la norma EN 12004, disponibile anche nella versione KERALASTIC T, di classe R2T da utilizzare per applicazioni a parete.
Per la posa su rasature, intonaci, cartongesso e in generale su supporti assorbenti oltre agli adesivi menzionati in precedenza sarà possibile utilizzare:
ULTRAMASTIC III Mapei, adesivo in pasta pronto all’uso ad alte prestazioni, a scivolamento verticale nullo e con tempo aperto allungato, di classe D2TE secondo la norma EN 12004 per applicazioni a rivestimento.ADESILEX P10 Mapei (adesivo cementizio bianco ad alte prestazioni) miscelato con ISOLASTIC Mapei(lattice elasticizzate) diluito al 50% con acqua per applicazioni a pavimento e rivestimento.
Visto il basso spessore delle piastrelle, per non incorrere nel problema di fuoriuscita del collante dalle fughe, si consiglia di stendere l’adesivo mediante l’utilizzo della spatola dente n°4. E’ comunque indispensabile garantire la totale bagnatura del retro della piastrella per evitare rotture sottocarichi concentrati.


Fuganti


Prima della realizzazione delle fughe attendere i tempi prescritti dalla schede tecniche degli adesivi. Le fughe dovranno essere pulite, prive di polvere ed avere una larghezza minima di 2mm. Per il riempimento delle fughe si potranno utilizzare i seguenti prodotti:
ULTRACOLOR PLUS Mapei, malta ad alte prestazioni, modificata con polimero, antiefflorescenze per la stuccatura di fughe da 2 a 20 mm, a presa ed asciugamento rapido, idrorepellente con DropEffect® edantimuffa con tecnologia BioBlock®, classificata come CG2 secondo EN 13888, disponibile in 26 colori. KERAPOXY Mapei, malta epossidica bicomponente antiacida per fughe di almeno 3 mm classificata comeRG secondo la EN 13888, disponibile in 26 colori. KERAPOXY è adatto qualora sia richiesta una fuga antiacida e impermeabile.

 

Le Fughe Colorate

Le Fughe Colorate

Dopo aver attentamente selezionato il tipo di rivestimento ceramico che volevi per la tua casa, è tempo di pensare alla fuga. La pasta che riempie gli spazi tra le singole piastrelle può non sembrare l’elemento più significativo in termini di estetica, ma ilcolore della fuga può trasformare completamente il design di una stanza. Non ci credi? Continua a leggere e stai pronto a ricrederti.

 


 

Fughe: nuove protagoniste del rivestimento

Le fughe tra le piastrelle possono essere fastidiose. Lo sappiamo tutti quanto può essere difficoltosa la pulizia, e non mi stupirei se, in passato, qualcuno di voi avesse potuto optare per carte da parati, pitture murarie o altre tipologie di rivestimento proprio per questo motivo. La possibilità di scegliere nuovi materiali e grandi formati aveva messo in ombra i rivestimenti ceramici, che nella mente degli utilizzatori finali sembravano essere apprezzati più per qualità tecniche che estetiche.

Ma negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un’inversione di tendenza, con un ritorno delle ceramiche di design e di raffinate soluzioni estetiche. A trascinare il trend sono proprio le fughe, il cui utilizzo creativo ha saputo espandere le possibilità cromatiche dellepiastrelle. Ecco di cosa stiamo parlando.

 


1. Positivo e Negativo

Se nella tradizione la fuga veniva vista come un’interruzione tecnica necessaria per la corretta installazione del rivestimento ceramico e veniva mimetizzata il più possibile all’interno della parete, oggi la fuga riveste un’importanza fondamentale per ottenere il risultato estetico desiderato. Sempre più spesso vediamo esempi di fughe colorate, o di toni scuri abbinati a piastrelle chiare. L’effetto percettivo è incredibile: si ha una fusione totale tra parete e piastrella, quasi che che non si riesce più a capire dove inizia l’una e finisce l’altra.

 

Piastrelle e Fughe Colorate: il Trend 2017 | CerLovers

Photo credit: Homey Oh My

Piastrelle e Fughe Colorate: il Trend 2017 | CerLovers

Photo credit: Homey Oh My


2. Colori Pop

Ma per un effetto davvero moderno e sorprendente, la fuga colorata è la soluzione ideale. Per decidere quale tonalità fa al caso nostro dobbiamo ragionare in termini di globalità della stanza. Vogliamo contrastare o assecondare il colore delle piastrelle?Prendiamo il caso di una semplice piastrella bianca.

Si può optare per una pasta bianca, che va ad eliminare l’effetto della fuga e ampliare lo spazio. Oppure si può decidere di optare per una pasta grigio chiaro o grigio scuro, fino ad arrivare ad un nero intenso, creando un piacevole contrasto – più o meno marcato – tra i due elementi. Questa soluzione farà sembrare lo spazio più carico, rispetto ad una fuga bianca. I colori poi, aggiungono un tocco di personalità all’ambiente creando un effetto sorpresa molto piacevole se abbinato al resto dell’arredamento.

 

Piastrelle e Fughe Colorate: il Trend 2017 | CerLovers

Photo credit: Brit+Co

Piastrelle e Fughe Colorate: il Trend 2017 | CerLovers

Photo credit: Brit+Co

 


3. Geometrismo

Se hai deciso di optare per un mosaico ceramico, la fuga riveste un’importanza ancora maggiore. Tessere più piccole aumentano il peso visivo delle fughe, il cui colore potrà cambiare totalmente il look del vostro rivestimento. A seconda se si vorrà assecondare o contrastare il colore del mosaico, l’impatto estetico verrà completamente stravolto, andando ad annullare “l’effetto pixel” o potenziandolo. Una fuga progettata bene potrà addirittura minimizzare l’effetto ripetizione tipico dei rivestimenti ceramici, per arrivare ad avvicinarsi ad un “effetto carta da parati“, dove i confini delle singole tessere si espandono fino ad arrivare alla percezione del tutto.

 

Piastrelle e Fughe Colorate: Appiani | CerLovers

Photo credit: Appiani

Piastrelle e Fughe Colorate: Appiani | CerLovers

Photo credit: Appiani

 


 

Sei stato conquistato anche tu dall’effetto fuga?
Guarda la nostra raccolta Pinterest di CerLovers per trovare moltissime altre idee e ispirazioni.

 


 

Foto di lancio: Hotel Giulia – Milano. Progetto: Patricia Urquiola. Foto: Luca Lumaca. Rivestimenti: Ceramica Vogue
Articolo a cura di: 
Federica
Designer e fotografa.