Tipologie di piastrelle in ceramica: Guida pratica

RSS
Tipologie di piastrelle in ceramica: Guida pratica

Scegliere le piastrelle: Gres Porcellanato, Monocottura e Bicottura


Tutti questi termini sono per classificare le tipologie di piastrelle in ceramica ricavate per mezzo di pressatura di terre e argille, smaltatura e cottura, cerchiamo di fare chiarezza e capire perchè alcune tipologie costano più di altre e farvi risparmiare!

Andiamo nel dettaglio spiegandovi quali sono le caratteristiche delle varie tipologie di piastrelle in ceramica per aiutarvi nella loro scelta per rivestire il pavimento o le pareti per i vostri progetti:


Il Gres Porcellanato


(Assorbimento dell'acqua compreso tra 0% e 0,5%)
Viene ricavato per mezzo di una cottura ad altissima temperatura dove la "greificazione" di terre ed argille dona alle piastrelle in ceramica grandissimaresistenza ed un assorbimento d'acqua praticamente nullo.
Durezza, ingelività, resistenza ad agenti chimici quali acidi e detersivi per la pulizia delle piastrelle e impermeabilità elevata, olio e grasso non saranno sicuramente un problema per le vostre piastrelle.
Purtroppo questo processo rende la tipologia di prodotto molto più costosa rispetto alle altre tipologie in commercio, dipende tutto dall'uso che se ne vuole fare. Il Gres porcellanato è prevalentemente utilizzato in ambienti ad alto calpestio, soggetti ad intemperie e in ambienti pubblici anche se si sta diffondendo sempre più nelle abitazioni private, un esempio potrebbe essere in nostro gres effetto legno che risulta identico al legno senza avere i difetti tipici del materiale legnoso.

Qui un nostro esempio a catalogo: Effetto Legno

 

Monocottura

(assorbimento dell'acqua tra 0,5% ma inferiore a 10%)
La piastrella una volta pressata cruda viene subito smaltata e cotta nel forno con una temperatura inferiore al gres porcellanato, questo processo garantisce una porosità maggiore che ne permette una posa rapida e un'ulteriore facilità durante la sua foratura o taglio, questo favorisce tutti quei lavori che devono essere effettuati nelle abitazioni private e non. Le piastrelle in monocottura possono essere posate a rivestimento di spazi
pubblici quali bagni, palestre piscine e aree wellness.
Se giriamo la piastrella, possiamo capire se le piastrelle in monocottura sono in pasta rossa, meno pregiate perchè sono tipologie molto diffuse di produzione turca, spagnola o marocchina, oppure in pasta bianca, le ultime di qualità pregiata e diffusissime in Italia.

Condividiamo con voi un prodotto in monocottura nel colore che sta riscuotendo un grande successo nei progetti di interior design, il rosa!: IN Rosa Antico


Bicottura

(assorbimento del'acqua superiore al 10%)
Le mattonelle in bicottura sono realizzate cuocendo prima l'impasto pressato di terre e argille e successivamente smaltate e ricotte nuovamente, questo processo aumenta la bellezza e la profondità estetica dello smalto rendendole però più delicate e adatte a rivestimento o pavimento di abitazioni a basso calpestio. Non sono raccomandate per la posa a pavimento di spazi pubblici.
La bicottura permette una resa del colore senza pari per via della bassa temperatura di cottura.

Qui alleghiamo il link di uno prodotto in bicottura decorato a mano: Pennellato


Speriamo di esservi stati utili al fine di farvi capire in maniera immediata le sostanziali differenze tra le piastrelle in ceramica ed aiutarvi così nella loro scelta.

 

 

Per qualsiasi informazione tecnica saremo felici di potervi rispondere!

Scriveteci da qui: Info e Preventivo Online

 

Modello psd creata da rawpixel.com - it.freepik.com

Post precedente Post successivo

  • Stefano Forcinella
Commenti 0
Lascia un commento
Il tuo nome:*
Il tuo indirizzo mail:*
Messaggio: *

Nota: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione.

* Campi richiesti